EMDR

EYE MOVEMENT DESENSITIZATION AND REPROCESSING

Studio ODIPA - Obiettivo Diagnosi e Intervento per l'Apprendimento


 
Non lasciare che il tuo passato
sia scaraventato nel tuo presente
per distruggere il tuo futuro.

Anonimo

EMDR RomaA luglio 2017 e gennaio 2018 ho conseguito il perfezionamento in trattamento E.M.D.R. I e II Livello e sono divenuta membro dell’associazione nazionale EMDR Italia. Ma cos’è il trattamento EMDR?

EMDR sta per "Eye Movement Desensitization and Reprocessing" ed è un metodo psicoterapeutico che aiuta i pazienti ad affrontare i loro ricordi non elaborati. I ricordi di esperienze traumatiche o negative che abbiamo vissuto nella nostra vita possono dare origine a disagi ed emozioni disturbanti.

Nello specifico questo metodo terapeutico utilizza i movimenti oculari e altre forme di stimolazione alternata, dimostrandosi efficace per il trattamento del trauma e di problematiche legate allo stress, in particolar modo allo stress traumatico.

Studi neurofisiologici hanno documentato i rapidi effetti post-trattamento con EMDR. E' comprovata difatti l'efficacia di questo metodo su tutti coloro che vivono eventi di vita molto stressanti, quali incidenti, traumi, esperienze traumatiche relazionali, abusi sessuali, abusi psicologici, maltrattamenti, disturbi di ansia, dell'umore, lutti, separazioni, disturbi di personalità, disturbo post-traumatico da stress.

Questo trattamento psicoterapeutico, che può essere rivolto sia ad adulti, che ad adolescenti e bambini, qualifica ancora di più le mie prestazioni professionali, consentendomi di offrire maggiore competenza nei miei progetti di aiuto. Questo il sito nazionale EMDR Italia per approfondire: http://emdr.it/


PERCHE’ HO SCELTO DI FORMARMI NELLA PRATICA EMDR?

  1. In primo luogo per conseguire il perfezionamento, oltre a seguire il corso, devi sperimentare il trattamento EMDR su te stesso. All'inizio ero molto scettica sull'efficacia del metodo, ma spinta da diversi colleghi che me ne avevano parlato positivamente, ho notato in tempi brevi un effettivo e rapido cambiamento in positivo della mia qualità di vita. Ora, sempre più convinta, dopo essere stata anche io una paziente, posso affermare che i nostri ricordi non elaborati, anche quelli lievemente negativi, che tutti noi sperimentiamo nella vita, hanno realmente un grande impatto su come ci sentiamo nel nostro oggi. Questi ricordi, se elaborati insieme ad un terapeuta, possono farci meno male e renderci più forti e sicuri di noi nella nostra quotidianità.
  2. Nella mia pratica clinica sempre più spesso mi capita di incontrare in studio bambini e ragazzi con forti traumi dello sviluppo, traumi relazionali, emotivi, lutti, separazioni, o dovuti a esperienze fortemente stressanti, che determinano un peggioramento emotivo, sociale, relazionale e scolastico. Mi è capitato di avere in trattamento bambini che hanno vissuto l'esperienza traumatica del terremoto di Amatrice e faticano ad andare a scuola, bambini con esperienze di lutto di uno dei due genitori con ripercussioni negative sull'apprendimento scolastico, adolescenti vittime di bullismo, mamme che stanno affrontando delle separazioni coniugali e faticano nella gestione dei figli. L’intervento EMDR consente di far sentire la persona libera di poter esprimere la propria sofferenza, le proprie paure, le emozioni più nascoste o mascherate, cercando il più possibile di validare e normalizzare il proprio stato emotivo offrendo la possibilità di una via di uscita dal proprio stato di malessere.
  3. Attualmente sto studiando le ricerche sull'EMDR, sono iscritta all'associazione Nazionale EMDR Italia e sto continuando la supervisione e l’aggiornamento professionale. Dagli studi finora effettuati, seppur la letteratura in materia sia ancora scarsa e in via di sviluppo, c’è un certo accordo nell’affermare che il trattamento EMDR produce risultati efficaci e soddisfacenti non solo in età adulta, ma anche in età evolutiva, consentendo di rimuovere gli ostacoli che bloccano la persona nel dolore (Onofri et al., 2015).
 
Le paure che non affronti
diventeranno i tuoi limiti.

Robin Sharma


NESSUNO PUO’ FARTI PIU’ MALE DI QUELLO CHE FAI TU A TE STESSO

EMDR RomaDagli studi effettuati si evince come le esperienze traumatiche tendano ad alterare sia l’equilibrio emotivo che la propria percezione di far fronte agli aventi quotidiani difficili. A seguito di una esperienza traumatica molte persone reagiscono in diversi modi: sono presenti pensieri ricorrenti e intrusivi legati all’evento disturbante, senso di rabbia, impotenza, incredulità, amarezza, tristezza, malessere nel corpo, difficoltà nel sonno, perdita di interesse nei confronti del futuro e dei normali interessi, tendenza all’evitamento dei luoghi temuti, o dei ricordi associati al dolore dell’esperienza traumatica che è stata vissuta, ma non elaborata.

Jean Leon Jaurès afferma: “Del passato dovremmo riprendere i fuochi, e non le sue ceneri”. E così, proprio se non è ripreso quel fuoco acceso in noi nei nostri ricordi dalle esperienze dolorose e traumatiche che abbiamo avuto, succede che, come dice un antico proverbio africano, “il passato rivive ogni giorno perché non è mai passato”. L’obiettivo dell’EMDR, dunque, non è eliminare i ricordi legati all’esperienza traumatica, ma viverli con maggiore accettazione, prendendosi tutto il tempo necessario per l’accoglienza del dolore, così da gestirlo e poterlo elaborare con consapevolezza.

Nessuno può tornare indietro e incominciare un nuovo inizio, ma chiunque può partire oggi e creare un nuovo finale. 

Il trattamento EMDR consente dunque non solo di vivere a pieno l’esperienza dolorosa che si sta attraversando, o che si è attraversata nel passato, ma fornisce alla persona anche tutti gli elementi necessari per poter elaborare la propria esperienza traumatica, creando un filo conduttore tra passato e presente. Attraverso l’EMDR si ha così la possibilità di sentirsi accolti in un giusto spazio di ascolto e condivisione per poter esprimere ciò che ci fa più male dentro, aiutando da un lato a sentirsi maggiormente compreso e accettato, dall’altro a neutralizzare i sensi di colpa e i vissuti di responsabilità che facilmente possono emergere dall’aver vissuto esperienze negative e traumatiche. 

 
Affronta gli ostacoli e fa qualcosa per superarli.
Scoprirai che non hanno neanche la metà della forza
che pensavi avessero.

Norman Vincent Peale

BIBLIOGRAFIA

  • Rivista di Psicoterapia EMDR, (2018), N. 35, Anno XVI, EMDR Italia.
  • Onofri A., La Rosa, C. (2015). “Il lutto. Psicoterapia Cognitivo evoluzionista e EMDR, Giovanni Fiorito Editore.